Tutti pazzi per il Padel: i consigli per allenarsi (e recuperare) meglio

Tutti pazzi per il padel, disciplina outdoor sempre più in voga in Italia, perfetta per ritrovare la forma e Covid free. American Pistachio Growers, a questo proposito, ci suggerisce i consigli nutrizionali di Erminia Ebner, Biologa Nutrizionista, per praticare al meglio il padel. E spiega a MyFitnessMagazine perché i pistacchi americani costituiscono una scelta perfetta per la merenda post-workout. Conoscete la regola delle 3 “R”?

Tutti pazzi per il padel. Ci avete fatto caso? Complice l’emergenza sanitaria, negli ultimi mesi sempre più persone si stanno cimentando in nuove attività motorie; c’è chi ha vinto la pigrizia e ha acquistato le scarpe da camminata-corsa, chi ha deciso di iscriversi a un workout online e chi “orfano” delle discipline indoor ha dovuto trovare nuove attività da praticare all’aria aperta. American Pistachio Growers, associazione no profit che unisce i coltivatori di pistacchi americani, a questo proposito ci suggerisce i consigli nutrizionali di Erminia Ebner, Biologa Nutrizionista, per praticare il padel, lo sport outdoor sempre più in voga in Italia, perfetto per ritrovare la forma e soprattutto Covid free. Sport amato anche da Zlatan Ibrahimovic, che già da diversi anni lo pratica con grande divertimento. E se lo fa lui…

Tutti pazzi per il Padel

Il Padel (o Paddle tennis), è una disciplina in grande ascesa nel nostro Paese, tanto che rispetto al 2019 c’è stato un incremento delle strutture(circoli sportivi, club di padel, strutture ricettive) del 50%, che sono passate da 547 a 828 in tutta la Penisola (Analisi 2020 sul padel, riportata da Mr Padel Paddle e Prenota un Campo, n.d.r.).

Il Padel è un gioco divertente che può essere praticato da persone di diversa età, sesso, condizioni tecniche e fisiche.

Inoltre, i campi utilizzati per questo sport possono essere allestiti all’aperto e si gioca in doppio con due atleti per squadra. Si tratta quindi di una valida attività motoria per tenersi in forma (senzaperò richiedere movimenti “aggressivi” o uno sforzo particolarmente intenso) e allo stesso tempo un piacevole momento di ritrovo senza correre il pericolo di assembramenti.

Le regole sono per lo più le stesse del tennis: si gioca con racchette a pala solida e forata, piccole e maneggevoli e il campo è diviso da una rete.

Ma, a differenza del tennis, i quattro lati del terreno sono delimitati da pareti, facenti parte dell’area di gioco che consentono alla pallina di rimbalzare e restare quasi sempre in gioco, rendendo questo sport dinamico e divertente.

I suggerimenti della nutrizionista

Per questo motivo anche i consigli nutrizionali da seguire per praticare questo sport sono molto semplici e adatti a tutta la famiglia. La prima regola da ricordare, è MIRA, ovvero Mastica,Idratati, Recupera e Aspetta. “Queste quattro parole racchiudono tutte le più importanti abitudini da acquisire per allenarsi e giocare a padel, divertendosi e migliorando la propria salute”, sottolinea Erminia Ebner, educatrice alimentare per il tennis e docente dell’ISF R. Lombardi della Federazione Italiana Tennis.

Ed ecco i 4 consigli della nutrizionista Erminia Ebner:

1 – Mastica sempre lentamente e non entrare mai nel campo di gioco a stomaco vuoto oppure subito dopo aver mangiato.

2 – Sperimenta soluzioni semplici, digeribili e di pratica realizzazione per consumare uno spuntino veloce prima di iniziare il riscaldamento, momento imprescindibile per evitare dolori fastidiosi o infortuni.

3 – Bevi sempre almeno 1,5-2 litri di acqua al giorno, sorseggiando gradualmente nell’arco dell’intera giornata e in particolare prima, durante e dopo la partita di padel.

4 – Terminata la partita, subito dopo lo stretching e la doccia, consuma un piccolo snack leggero e digeribile, ma allo stesso tempo completo di tutti i nutrienti (acqua, carboidrati, proteine, grassi, vitamine e minerali), nelle giuste proporzioni. I pistacchi sono tra le migliori scelte per la merenda post-workout.

Per il recupero, perfetti i pistacchi americani

I pistacchi tostati coltivati negli Stati Uniti sono dunque perfetti per il recupero, poiché sono una “proteina completa” che contiene tutti e gli aminoacidi essenziali in quantità adeguate, utile per le necessità di chi ha più di 5 anni. In particolare, le proteine ad alto contenuto di leucina (uno dei 9 aminoacidi essenziali) che vengono digerite molto più rapidamente, forniscono un buon stimolo alla sintesi proteica muscolare (MPS). Pertanto permettono un recupero più veloce. I pistacchi americani tostati contengono 475 mg di leucina in una porzione di circa 30 g.

Energia giusta, rapido recupero e acqua in abbondanza, sono gli ingredienti per essere pronti per una nuova sfida… a suon di racchettate!

L’importanza della “merenda” post-workout

La nutrizionista Erminia Ebner, sottolinea che i pistacchi americani costituiscono una scelta perfetta per la merenda post-workout perché rispondono in pieno alla regola delle 3 “R” della corretta nutrizione post- allenamento:

Ricarica l’energia

Reidratati come si deve

Ripara i muscoli

Ricarica l’energia: per ottenere il miglior recupero nel minor tempo possibile, è importantissimo dare una quota di energia al nostro organismo immediatamente dopo il termine dell’impegno fisico o almeno entro la prima mezz’ora. Spesso, però, alla fine di un allenamento, si ha poca voglia di mangiare e soprattutto di riempire lo stomaco con grandi volumi di cibo.

Sfruttare alimenti ricchi di energia ma piccoli in volume può essere un vantaggio da non sottovalutare.

Anche per questa ragione, una piccola manciata di pistacchi viene incontro alle esigenze particolari di sportivi e atleti.

Reidratati come si deve:

Per gli sportivi che fanno fatica a recuperare i liquidi persi durante le sessioni di allenamento, uno spuntino con i pistacchi stimola il senso della setee permette di bere più frequentemente a piccoli sorsi, fino a raggiungere le giustequantità di acqua. Nelle ore successive a uno sforzo fisico si dovrà assumere, infatti, una quota di acqua pari al 125%-150% del peso perso durante l’allenamento (ad esempio, se ho perso un kilo di peso dovrò sorseggiare un litro e mezzo di acqua per ripristinare lo stato di corretta idratazione).

Ripara i muscoli:

Dopo il lavoro muscolare, le nostre cellule sono maggiormente attive e veloci nellaricostruzione delle fibre muscolariche si rompono e si danneggiano tanto più lo sforzo fisico è intenso e/o prolungato nel tempo.

I pistacchi tostati coltivati negli Stati Uniti permettono un recupero muscolare più rapido perché sono una proteina completa, che contiene tutti e 9 gli amminoacidi essenziali, con una buona quantità di leucina.

Sono questi amminoacidi, infatti, correttamente abbinati alle giuste quantità di energia e carboidrati, a stimolare la sintesi proteica muscolare in risposta all’esercizio, nella fase iniziale del recupero.

American Pistachio Growers

American Pistachio Growers, lo ricordiamo, è un’associazione no profit del settore agricolo che rappresenta più di 865 membri che sono coltivatori di pistacchio, trasformatori e partner industriali in California, Arizona e New Messico. Per maggiori informazioni, anche sui benefici per la salute dei pistacchi e deliziose ricette, consultare il sito https://americanpistachios.it/.

Abbiamo parlato dei pistacchi americani anche qui a proposito del loro utilizzo nello sport con una bella testimonianza del calciatore Jesse Lingard e qui del ruolo dei pistacchi nel rafforzare il sistema immunitario, tema purtroppo di grande attualità…

(Simona Recanatini)

Foto apertura by Artur Kornakov on Unsplash, foto padella nel testo by Tomasz Krawczyk on Unsplash.

No Comments Yet

Comments are closed

Ti suggeriamo

Workout, sport, wellness, food, beauty...to be fit! Un webmagazine per allargare i propri orizzonti di fitness. Are you ready?

FOLLOW US ON

Pubblicità