Migliorare la respirazione e placare l’ansia: gli esercizi di Mike Maric

Mike Maric, campione di apnea, membro del Team Michael Phelps, medico e coach di grandi campioni di nuoto, ci spiega gli esercizi per migliorare la respirazione e placare l’ansia nei momenti di stress quotidiano ma anche la gestione dell’apnea in ambito sportivo.

Migliorare la respirazione e placare l’ansia. Un’utopia? Niente affatto. Respirare bene significa gestire l’ansia. Alzi la mano chi, in questi giorni davvero strani, non ha avuto neanche un momento di angoscia. Onestamente, sfidiamo a trovare qualcuno che è riuscito a gestire tutta questa situazione drammatica legata al Covid_19 con serenità,  ed è del tutto normale.

Quando si affrontano situazioni così impegnative mentalmente, passare momenti di sconforto e ritrovarsi con il fiato corto e la paura che stringe lo stomaco è assolutamente normale e umano.

L’importante è saper gestire queste situazioni, non farsi prendere dal panico e ritrovare il proprio autocontrollo.

Migliorare la respirazione e placare l’ansia

Saper respirare bene è fondamentale ma spesso (e senza nemmeno saperlo) non siamo in grado di farlo. Alcuni stati di ansia e panico sono legati proprio all’incapacità di respirare bene.  Per migliorare questo aspetto importantissimo che è parte fondamentale per il nostro benessere,  è necessario apprendere le basi mediche e scientifiche di una respirazione corretta.

Come gestire l’ansia controllando la respirazione.

Detto così sembra facile, ma da dove si inizia? In nostro aiuto arriva Mike Maric, noto come “lo scienziato del respiro”, che abbiamo già ospitato sulle pagine del nostro Magazine quando abbiamo parlato del  5° stile.

Autore di diverse pubblicazioni, da anni affianca la ricerca scientifica con la metodologia di allenamento nello sport. Membro del team di MP Michael Phelps, collabora con i più forti nuotatori italiani – Federica Pellegrini, Gregorio Paltrinieri e Giacomo Carini, tra i tanti – lavorando sulle tecniche di respirazione e il miglioramento della subacquea nel nuoto. Secondo Mike Maric esistono degli esercizi che si possono eseguire anche a casa e che sono utili per migliorare la respirazione diaframmatica.

Imparare a lavorare sul respiro è fondamentale per ridurre i livelli di stress, abbassare la pressione sanguigna e regolare altri importanti processi del corpo e conseguentemente raggiungere uno stato di calma.

Gli esercizi da fare in casa secondo Mike Maric

Di seguito gli esercizi che Mike Maric consiglia a tutti coloro che hanno la necessità di ritrovare calma e serenità interiore. Sono esercizi che vanno bene sia per gli sportivi sia per chi semplicemente vuole migliorare la gestione dello stress quotidiano.

Primo esercizio
Può essere eseguito in piedi o da sdraiati. Appoggiamo una mano sul petto al fianco del torace e cerchiamo di sentire, durante la inspirazione, come si gonfia il torace e durante la espirazione come si sgonfia.

Secondo esercizio
Poniamo le mani a lato dell’addome e cerchiamo di inspirare gonfiando l’addome ed espirando sgonfiando l’addome. Questi esercizi servono per fare sensibilità e capire se lavoro più sulla parte toracica o sulla parte più diaframmatica addominale.

Terzo esercizio
Avvolgendo la gabbia toracica con l’elastico che usano i nuotatori (se non lo avete potete optare per una t-shirt grande con le maniche lunghe da stringere sul petto, non sarà uguale ma simile) inspiro cercando di portare attenzione sull’addome e non utilizzando i muscoli toracici. Con l’elastico creare un’azione di blocco della gabbia toracica ponendo l’attenzione solo sulla respirazione addominale.

Quarto esercizio
Un’ altra sequenza di esercizi utili a migliorare il 5° stile. Partiamo con le braccia appoggiate sulla gabbia toracica e durante l’espirazione sollevare le braccia e con l’inspirazione riportarle verticali verso l’addome.

Quinto esercizio
Mettersi in posizione simulare il movimento del quinto stile associando la espirazione portando il bacino in avanti e l’inspirazione portando il bacino indietro.

L’importanza della respirazione

“Ricordiamoci che il respiro – conclude Mike – è il punto di unione tra mente e corpo. Grazie al respiro possiamo lavorare sull’autocontrollo, perché la prima forma di autocontrollo che abbiamo è attraverso il respiro, quindi la gestione dell’ansia (durante una gara o nella vita quotidiana)  passa attraverso la modulazione del respiro”.

Per chi vuole provare a respirare con Mike, in questi giorni è possibile seguire le dirette che il campione trasmette sui suoi canali social. Per non perdere nemmeno un incontro, seguire la pagina Instagram di @mp_michaelphelps_it  dove sono pubblicate tutte le iniziative e gli orari delle dirette.

Abbiamo parlato di Mike Maric e Michael Phelps anche qui

(A.L.)

No Comments Yet

Comments are closed

Ti suggeriamo

Workout, sport, wellness, food, beauty...to be fit! Un webmagazine per allargare i propri orizzonti di fitness. Are you ready?

FOLLOW US ON

Pubblicità