Training funzionale in piscina con il SUP

sup-2

È SUP mania! Nei paradisi dei surfisti, dalla Canarie alla Florida, ma anche negli Usa, il SUP è uno sport praticato da tempo. E piace molto anche ai vip: Gisele Bundchen, Rihanna, Taylor Swift ma anche Melissa Satta ed Elisabetta Canalis sono state “paparazzate” in mezzo al mare con una tavola simile a quella da surf sotto ai piedi e una pagaia in mano. Il SUP (acronimo di Stand up paddle) è una variante del surf in cui appunto si sta in piedi sulla tavola, che presenta un volume più ampio per poter sostenere il peso dell’atleta. Da oggi non è più necessario avere il mare a portata di mano: Virgin Active, infatti, porta il SUP in palestra…pardon, in piscina. È Milano a rappresentare la fase test, prima dell’estensione della disciplina nel resto d’Italia: il SUP è infatti disponibile dal mese di novembre 2016, in prova, inizialmente nel club Milano Kennedy (Via Alcide de Gasperi 2), per poi estendersi in altri club Virgin Active in Italia.

sup-4

Nello specifico, Virgin Active Italia ha trasformato un divertimento estivo in uno strumento di allenamento indoor per svolgere yoga, Pilates ma anche functional training a corpo libero o con elastici. Diciamo subito che SUP è l’allenamento ideale per chi desidera potenziare il proprio core grazie all’instabilità. SUP, in concreto, è una tavola gonfiabile ad alta pressione utilizzata generalmente in mare per allenamenti che sfruttano l’instabilità intrinseca dello strumento in acqua come mezzo di potenziamento del core, centro del corpo. SUP è un allenamento adatto a tutti ma nello stesso tempo è richiesta una minima preparazione e predisposizione, dato che viene svolto su una superfice instabile come quella dell’acqua, che aumenta il grado di difficoltà richiedendo un maggior sforzo di equilibrio. Le lezioni di SUP vengono comunque proposte a livelli di difficoltà differenti.

sup-3

SUP si basa quindi semplicemente sulle dinamiche e le tecniche della ginnastica funzionale, mettendo insieme una serie di movimenti e di esercizi consueti, effettuati però sulla superficie dell’acqua della piscina. La tavola da surf in piscina rende il training divertente e adatto anche a un pubblico più giovane e dinamico che non ha paura di mettersi in gioco e soprattutto trasforma ogni perdita di equilibrio (quindi ogni caduta in acqua…) in un momento di gioco che stimola la parte più ‘infantile’ di ognuno di noi. Una sessione ideale di SUP dura dai 45 ai 60 minuti. SR

No Comments Yet

Comments are closed

Ti suggeriamo

Workout, sport, wellness, food, beauty...to be fit! Un webmagazine per allargare i propri orizzonti di fitness. Are you ready?

FOLLOW US ON

Pubblicità