McFIT sostiene un training “pulito”

McFIT ha raccontato il suo impegno per un fitness “pulito” durante un workshop con prestigiosi speaker.

Raccontare l’impegno per promuovere una pratica sportiva sana, che non ricorra al doping: è questo l’obiettivo del workshop Train Clean, Feel Good organizzato da McFIT.

La palestra McFIT di Viale Fulvio Testi a Milano ha accolto gli ospiti di fama internazionale che sono intervenuti in occasione del workshop: Aristide Barraud, ex rugbista francese, oggi scrittore gravemente ferito durante gli attenti a Parigi del 2015 e costretto a ritirarsi a soli 28 anni per le conseguenze di quel tragico episodio; Marcella Bounous, Psicologa dello sport e Docente in Scienze Motorie all’Università di Verona, che ha seguito Barraud nel suo recupero psicologico; Mattia Cappelletti e Michela Speciani, esperti in nutrizione e sport; Luca Broccatelli, natural body builder e Mister Universo 2018, che incontra i bambini delle elementari per sensibilizzarli sull’importanza di fare sano sport fin da piccoli.

Aristide Barraud, ex rugbista francese.

SOSTENERE UN ALLENAMENTO PULITO

L’attenzione di McFIT su questo tema nasce dalla consapevolezza che le motivazioni di chi ricorre al doping possono essere diverse. Purtroppo sono sempre di più, anche tra i non professionisti, gli sportivi che ricorrono a sostanze illegali. In qualità di azienda leader in Europa nel settore fitness, nei centri McFIT vige a questo riguardo una politica di “tolleranza zero”. È ferma volontà di McFIT

sostenere e motivare i propri abbonati a raggiungere gli obiettivi fitness in modo onesto, pulito e senza che ciò comporti alcun rischio per la salute.

“In McFIT si allena la più ampia comunità fitness d’Europa, nei confronti della quale il brand sente di avere delle precise responsabilità. Non potendo controllare gli abbonati, si possono fornire informazioni sul training pulito e divulgare un messaggio chiaro circa la posizione di McFIT sull’argomento. L’obiettivo di TRAIN CLEAN, FEEL GOOD! è di fornire uno strumento utile ai club manager affinché ognuno di loro si faccia portavoce di questa filosofia all’interno delle palestre. È così che McFIT vuole fare la sua parte per contribuire in modo sano all’evoluzione del fitness”, spiega Luca Torresan, responsabile Marketing e Comunicazione McFIT in Italia.

Marcella Bounous, Psicologa dello sport e Docente in Scienze Motorie all’Università di Verona.

FITNESS A 360 GRADI

Per questo, nei centri McFIT viene messo a disposizione tutto ciò che un appassionato di fitness possa desiderare: svariate alternative per praticare il Functional Training, una vasta area cardio, innumerevoli pesi liberi e, in generale, attrezzi di gamma top. Inoltre c’è la possibilità di scegliere tra corsi con trainer dal vivo o corsi virtuali CYBEROBICS®, con i migliori trainer degli USA.

Molto apprezzato l’intervento di Aristide Barraud, ex rugbista ora scrittore che ha pubblicato, per ora solo in lingua francese, “Mais ne sombre pas”, libro che racconta la sua storia, un viaggio nella speranza e nella bellezza delle cose da costruire ogni giorno.

Abbiamo parlato di McFIT e di training “pulito” anche qui.

No Comments Yet

Comments are closed

Ti suggeriamo

Workout, sport, wellness, food, beauty...to be fit! Un webmagazine per allargare i propri orizzonti di fitness. Are you ready?

FOLLOW US ON

Pubblicità