Dimmi che piede hai e ti dirò chi sei: quando la salute passa (anche) dai piedi

Dimmi che piede hai e ti dirò chi sei: quando la salute passa (anche e soprattutto) dai piedi. Umidi, doloranti, secchi o troppo caldi: l’ideatrice della Riflessologia Radicale Marcella Lusso racconta cosa i nostri piedi celano e come la digitopressione di mani esperte può aiutarci a risalire alla radice dei sintomi.

Gli sportivi sanno bene quanto siano importanti i piedi. La nostra salute passa anche e soprattutto loro, spesso dimenticati perché nascosti dalle calzature, soprattutto durante la stagione più fredda, eppure fondamentali non solo per sorreggerci ma per connetterci con la terra. E chi un po’ se ne intende di riflessologia lo sa: i piedi sono il vero specchio dell’anima, attraverso la quale è possibile, con il tocco di mani esperte, raggiungere ogni parte del nostro corpo, anche gli organi più interni e delicati. Lo sa bene la naturopata Marcella Lusso (marcellalusso.it), ideatrice di Riflessologia Radicale, il primo metodo in Italia che spiega, andando oltre alla teoria, come utilizzare la Medicina Tradizionale Cinese in Riflessologia.

Questa metodologia va oltre il sintomo di un problema, così da trattarlo in maniera efficace direttamente alla radice.

Quando la salute passa (anche) dai piedi

La riflessologia si basa sulla stimolazione di determinati punti sulla pianta e sul dorso del piede, sul quale è riflesso l’intero corpo umano.

Utilizzando pressioni e stimolazioni dei punti riflessi, infatti, si aiuta l’organismo a sviluppare le proprie difese, ad alleviare numerosi disturbi e ad attivare i processi di guarigione.

“Le emozioni non nascono e muoiono nel cervello. Sono continuamente interconnesse con gli organi attraverso il sistema nervoso. Secondo uno dei paradigmi della Medicina, siamo esseri biochimici, di conseguenza l’uso di prodotti farmaceutici o, in alternativa, erbe o vitamine, è ritenuto l’ideale per il ripristino della salute. Tuttavia si è verificato negli ultimi decenni uno spostamento di paradigma, secondo il quale siamo non solo esseri biochimici, ma ancor più sostanzialmente esseri energetici dotati di sofisticati sistemi di informazione e comunicazione ad alta velocità. I campi energetici del nostro corpo sono quindi fondamentali per la nostra salute” racconta Marcella Lusso.

Dimmi che piede hai e ti dirò chi sei: le caratteristiche e i trattamenti

Semplicemente osservando le caratteristiche del piede, si può già comprendere quali saranno i trattamenti necessari e quali gli organi più disequilibrati del corpo.

Colorito: il piede dovrebbe essere sempre di colore roseo. Se si presenta di colore rosso acceso, occorre sedare il punto del cuore, mentre se il colore tende al giallo, occorre stimolare tutti i punti dell’Elemento Terra, come ad esempio lo stomaco e il pancreas. Se il colorito, infine, è sul bluastro, bisogna invece stimolare reni e cuore.

Temperatura: se il piede è troppo caldo, ciò indica che va trattato il punto del fegato, mentre invece se, al contrario, troppo freddo, vanno stimolati i punti reni e cuore.

Piede secco: il piede secco, nelle mani di un esperto, segnala subito una problematica a livello di ossigenazione dei tessuti, che spinge quindi a trattare l’organo della respirazione.

Piede umido e maleodorante: in questo caso occorre stimolare tutti i punti dell’Elemento Terra, ossia lo stomaco e il pancreas, ed il punto del Fegato. Se il piede trasuda durante la stimolazione, bisogna invece sedare le surreni, stimolando la zona renale.

Vuoto o pieno: se il piede si presenta troppo duro (pieno), occorre trattare il punto del Fegato, se si presenta invece spugnoso (vuoto), i punti da trattare sono quelli corrispondenti ai reni.

Il dolore e le dita

In generale, il dolore alla digitopressione in un punto riflesso indica un’alterazione nella funzionalità dell’organo riflesso, ciò significa che in quel momento una tensione ne limita il funzionamento.

calli, invece  sono collegati alle emozioni trattenute e rivelano uno squilibrio cronico dell’organo rappresentato in quella zona riflessa.

Il primo dito è collegato con l’emozione della gioia, il secondo dito con l’emozione della preoccupazione mentre il terzo dito è collegato con l’emozione della tristezza. Il quarto dito, invece, è collegato con l’emozione della rabbia e per finire il quinto dito si collega alla paura.

Per saperne di più

Per coloro che sono affascinati da questa disciplina e si vogliono avvicinare al mondo della riflessologia, la naturopata organizza corsi online e dal vivo, sia per esperti che per principianti. Tutte le informazioni sono disponibili a questo link: https://marcellalusso.it/

About Marcella Lusso

Marcella Lusso è Naturopata diplomatosi presso l’Istituto RIZA di Medicina Psicosomatica, per poi focalizzarsi più specificamente sui Massaggi, e in particolare, la Riflessologia. Oggi Marcella, ideatrice della Riflessologia Radicale, pur continuando ad operare come Massaggiatrice, detiene importanti corsi di formazione e insegna a centinaia di persone tutte le sue conoscenze, sia per migliorare il mondo dei massaggi e della riflessologia, sia per aiutare le persone ad avere successo in questo lavoro.

Cosa ne pensate? La salute dei piedi è un tema affascinante e torneremo a breve sull’argomento.

(S.R.)

 

foto apertura: Photo by Michał Parzuchowski on Unsplash

No Comments Yet

Comments are closed

Ti suggeriamo

Workout, sport, wellness, food, beauty...to be fit! Un webmagazine per allargare i propri orizzonti di fitness. Are you ready?

FOLLOW US ON

Pubblicità