L’interessante azione antiossidante dei pistacchi americani

Secondo una nuova ricerca realizzata dalla Cornell University, i pistacchi americani sono dotati di un’elevata capacità antiossidante, in grado di competere con quelle tradizionalmente associate ad altri cibi fonte della stessa sostanza.

Secondo una nuova ricerca realizzata dalla Cornell University, i pistacchi americani sono dotati di un’elevata azione antiossidante, in grado di competere con quelle tradizionalmente associate ad altri cibi fonte della stessa sostanza.

Gli alimenti ricchi di sostanze antiossidanti vengono spesso consigliati dagli esperti, come parte di uno stile di vita e di una dieta sani. Un nuovo studio, condotto dalla Cornell University e pubblicato sulla rivista “Nutrients”, ha fatto emergere risultati davvero sorprendenti: i pistacchi americani sono dotati di una capacità antiossidante molto elevata, tra le più alte rispetto a quelle relative a cibi comunemente noti per il contenuto di queste sostanze (mirtilli, melograni, ciliegie e barbabietole).

L’azione antiossidante dei pistacchi americani

Questo studio ha preso in considerazione proprio i pistacchi americani, coltivati in California e aventi, già di per sé, un profilo nutrizionale diverso rispetto ad altri.

Il punto di partenza e l’obiettivo dei ricercatori dell’università americana era quello di meglio comprendere i potenziali benefici per la salute, emersi da alcuni studi precedentemente realizzati sui pistacchi americani.

Due sono stati i metodi utilizzati per misurarne il potenziale antiossidante: il metodo “Oxygen Radical Absorbance Capacity (ORAC)” e quello “Cellular Antiossidant Activity (CAA). Nello specifico, i pistacchi americani sono stati analizzati per determinarne:

-La composizione in termini di composti fitochimici, utili a contribuire a ridurre il rischio di malattie croniche e a mantenere il corpo umano correttamente funzionante.

-Il loro potere antiossidante

-La capacità nell’inibire – in ambiente di laboratorio – la crescita di cellule tumorali (del seno, del fegato e del colon).

Una scoperta inattesa

Il risultato positivamente inaspettato è stato, quindi, proprio la scoperta del loro elevato livello di attività antiossidante, commentato così dal Dr. Rui Hai Liu, Professore di Scienze Alimentari presso la Cornell University: “Siamo rimasti davvero sorpresi e felici nello scoprire una così alta capacità antiossidante da parte dei pistacchi americani. Questo valore, se confrontato con quello di altri alimenti comunemente noti per questo potere – come mirtilli, ciliegie e barbabietole 2,3,4,5 – risulta essere tra i più elevati. Crediamo che questa caratteristica possa essere dovuta ai composti presenti all’interno dei pistacchi, tra cui vitamina E, carotenoidi, fenolici e flavonoidi. La combinazione o l’interazione di questi antiossidanti, dei composti bioattivi, insieme ad altri nutrienti è probabilmente ciò che contribuisce maggiormente ai già noti benefici per la salute”.

Contrastare i radicali liberi

Alcune normali attività metaboliche che caratterizzano la nostra vita quotidiana – tra cui mangiare, respirare, contrastare le tossine presenti nell’ambiente – possono essere responsabili della generazione di radicali liberi nel nostro organismo. Questi ultimi sono in grado di attaccare le cellule sane e contribuire alla loro infiammazione e invecchiamento, oltre che al peggioramento di patologie croniche (come malattie cardiache e tumori).

Per proteggerle da questi rischi, gli esperti scientifici raccomandano l’assunzione di sostanze antiossidanti, proprio come quelle presenti nei pistacchi americani.

È noto, infatti, che la maggior parte delle persone sia a conoscenza del fatto che gli antiossidanti apportino in generale benefici per la salute, ma non sia pienamente consapevole della maniera esatta in cui questi svolgano funzioni importanti all’interno del corpo (per un video dedicato, consultare: https://americanpistachios.it/)

Proteina completa

“I benefici che i pistacchi americani sono in grado di generare sulla salute erano già noti e ormai dimostrati da studi realizzati negli ultimi 20 anni. Oggi siamo onorati di aver contribuito ad approfondirne ulteriormente la loro composizione specifica, capace di apportare benefici alla salute umana nel suo complesso” – aggiunge Amber Wilson, MS, RD, Direttore della Ricerca Nutrizionale e della Comunicazione per American Pistachio Growers – “I risultati di questo studio confermano, infatti, l’alto potenziale antiossidante dei pistacchi americani: un’ottima notizia per tutti coloro che desiderano inserirli all’interno della propria dieta”.

Ma non è tutto! I pistacchi americani sono anche una vera e propria “proteina completa”: contengono cioè tutti e 9 gli aminoacidi essenziali in quantità adeguate, utili per le necessità di qualsiasi persona, a partire dai 5 anni.

Inoltre, una loro porzione (circa 49 pezzi) rappresenta un’ottima fonte di rame, proteine, fibre, vitamina B6, fosforo e tiamina: sono perfetti quindi come snack, soprattutto come spuntino “spezzafame”!

Altri elementi emersi dallo studio

Di seguito un’ulteriore sintesi dei risultati emersi dallo studio, tra cui:

-I pistacchi americani sono dotati di un’ampia varietà di importanti sostanze fitochimiche, tra cui diversi membri della famiglia della vitamina E (β-tocoferolo e γ-tocoferolo), carotenoidi (luteina, zeaxantina e beta-carotene), fenolici e flavonoidi.

-I pistacchi americani possiedono un’elevata attività antiossidante, misurata sia dal metodo ORAC che da quello CAA2. Nello specifico, CAA misura l’attività antiossidante in una singola cellula (come cioè questa assorba gli antiossidanti) e riflette ciò che può accadere anche nel corpo umano meglio di quanto possa avvenire con un campione chimico.

-Gli estratti fitochimici del pistacchio americano hanno mostrato una potente attività antiproliferativa contro le cellule del cancro al seno (la più elevata), al fegato e al colon, senza al contempo generare citotossicità alle cellule. I ricercatori riferiscono, inoltre, che questa area di studio possa essere oggetto di ulteriori ricerche future proprio su questi temi. È interessante, ad esempio, notare come alcune ricerche condotte sulla popolazione mostrino un’associazione tra l’alta frequenza nel consumo di frutta secca e un rischio minore di sviluppare tumori.

Per ulteriori informazioni, consultare: https://americanpistachios.it/nutrition-and-health

Cosa ne pensate di questa notizia legata all’azione antiossidante dei pistacchi americani? Abbiamo parlato dei pistacchi americani anche qui a proposito di sistema immunitario.

(S.R.)

No Comments Yet

Comments are closed

Ti suggeriamo

Workout, sport, wellness, food, beauty...to be fit! Un webmagazine per allargare i propri orizzonti di fitness. Are you ready?

FOLLOW US ON

Pubblicità