Affrontare la primavera con i giusti nutrienti: le Prugne della California

L’arrivo della primavera è un appuntamento immancabile per tornare a risplendere dopo l’inverno. Ma quali sono i nutrienti utili per prepararci al cambio di stagione nel pieno benessere? La dott.ssa Annamaria Acquaviva – dietista e nutrizionista del California Prune Board in Italia – ha identificato i nutrienti fondamentali per affrontare al meglio l’arrivo della primavera.

Un fatto è innegabile: l’arrivo della primavera e il ritorno della bella stagione sono per tutti un appuntamento immancabile per tornare a risplendere dopo l’inverno. Se in questo periodo vi sentite scarichi e la voglia di andare in palestra o al parco per fare un po’ di attività fisica non è alle stelle, urge qualche correttivo dal punto di vista nutrizionale. Già: quali sono i nutrienti utili per prepararci al cambio di stagione nel pieno benessere, a cominciare dalla tavola? La dott.ssa Annamaria Acquaviva, dietista e nutrizionista del California Prune Board in Italia – ha identificato i nutrienti fondamentali per affrontare al meglio l’arrivo della primavera. Vediamoli insieme:

FIBRE E POLIFENOLI

“Il freddo dell’inverno può portare a consumare alimenti ipercalorici e pasti poco equilibrati. In caso di eccesso di scorie nell’organismo è bene favorirne la depurazione e il consumo di vegetali ricchi di fibra rappresenta il giusto antidoto” esordisce la Dott.ssa Acquaviva.

L’apporto di fibra, tra i benefici del consumo di vegetali, non solo ha effetti protettivi dimostrati nei confronti di molte patologie, ma contribuisce in modo importante alla nostra disintossicazione, ripulendoci dalle tossine e dall’eccesso di scorie prodotte dall’organismo. Le verdure amare sono ricche di fibra e utili per la depurazione del fegato, nelle foglie di carciofo, cicoria e tarassaco (anche in forma di preparati fitoterapici) sono presenti preziosi principi attivi che hanno dimostrato effetti protettivi sulla funzionalità del fegato. Anche la frutta disidratata è un ottimo alleato a tavola da questo punto di vista, in particolar modo le prugne della California che apportano circa 7g/100g di fibre, ossia quasi un quarto della quantità quotidiana raccomandata di 30g.

Le prugne della California sono inoltre l’unica frutta secca, naturale e intera, ad aver ottenuto un’indicazione nutrizionale autorizzata sulla salute in Europa proprio riguardo la funzione digestiva, utilissime dunque per l’eliminazione di scorie dall’organismo. Come parte di una dieta sana e bilanciata e di un corretto stile di vita, mangiare 100 grammi di prugne della California (circa 8-12), contribuisce al normale funzionamento dell’intestino.

Uno studio scientifico recente conferma che i frutti interi, come le prugne della California, funzionano come prebiotici grazie al loro contenuto di fibre e polifenoli, favorendo un benefico microbiota (cioè la  flora microbica intestinale). La letteratura scientifica dimostra l’importante influenza sulla salute umana del microbiota, che è coinvolto anche nella funzione del sistema immunitario e delle interazioni dell’ asse intestino-cervello, dunque l’apporto di prugne disidratate risulta prezioso.

VITAMINE, SALI MINERALI E GLUCIDI A LENTO RILASCIO

“La stanchezza e gli sbalzi termici tipici del passaggio dalla stagione fredda alla primavera necessitano di essere affrontati con la giusta energia, per ritrovarci splendenti e in forma smagliante in primavera” continua la Dott.ssa Acquaviva.

Vegetali e frutta dal colore verde acceso come bieta, broccoli, kiwi, spinaci contengono due nutrienti preziosi: il magnesio, parte della molecola della clorofilla che contribuisce alla riduzione della stanchezza e dell’affaticamento, al normale funzionamento del sistema nervoso e di quello muscolare. In secondo luogo l’acido folico, che oltre a essere utile durante i primi mesi della gravidanza, contribuisce alla riduzione della stanchezza e dell’affaticamento e alla normale funzione del sistema immunitario.

Le prugne della California donano energia e vitalità utile per combattere gli sbalzi termici della stagione, grazie alla composizione dei loro glucidi dall’indice glicemico controllato e alla presenza della vitamina B6, che aiuta ad alleviare la stanchezza e supporta le regolari funzioni del sistema immunitario e di quello nervoso.

OMEGA-3, RAME E MANGANESE

“Alcuni nutrienti sono infine preziosi alleati per capelli forti e pelle sana: gli omega 3, acidi grassi essenziali che contribuiscono a mantenere integre le membrane cellulari, idratando la cute e il bulbo pilifero” conclude la dott.ssa Acquaviva.

Gli alimenti più indicati per l’alto contenuto di omega 3 sono: pesce azzurro, avocado, frutta a guscio e semi oleosi. Grazie alla presenza di vitamina B6 che regola la secrezione di sebo e del rame, nutriente antiossidante che contribuisce a rendere più intensa e uniforme la nuance dei capelli, le prugne della California favoriscono una buona salute della capigliatura.

Le prugne della California sono anche una fonte di manganese, una sostanza nutritiva antiossidante che gioca un ruolo nel proteggere le cellule nell’organismo dai danni ossidativi e  contribuisce alla normale formazione di tessuto connettivo. La qualità premium delle prugne della California è garantita dal suolo fertile e dal clima favorevole della California, dall’expertise degli agricoltori nella coltivazione e dalle tecniche di raccolta ed essiccazione all’avanguardia.

Adesso sì che siamo pronti ad affrontare la primavera con i giusti nutrienti! E se volete scoprire in che modo le Prugne della California si rivelano preziose per l’alimentazione chi fa sport, vi suggeriamo questo linkMFM

 

No Comments Yet

Comments are closed

Ti suggeriamo

Workout, sport, wellness, food, beauty...to be fit! Un webmagazine per allargare i propri orizzonti di fitness. Are you ready?

FOLLOW US ON

Pubblicità