Un dente in meno per correre più veloce: la relazione tra denti e sport

Denti e sport: che relazione c’è? I denti fanno davvero la differenza nello Sport? La recente decisione del Campione Olimpico Marcell Jacobs riaccende i riflettori sul rapporto fra occlusione, postura e performance sportiva. Ne parliamo con Clotilde Austoni, Odontoiatra Specialista in Chirurgia Odontostomatologica, conosciuta e apprezzata dai suoi pazienti come “The Smiling Doctor”.

Denti e sport: che relazione c’è? I denti fanno davvero la differenza nello sport? Ebbene: un dente in meno può fare la differenza nel delicato equilibrio di un atleta olimpico, come Marcell Jacobs, proteso nel continuo miglioramento di prestazioni di eccellenza, nelle quali anche una frazione di secondo rappresenta un fattore di svolta.

A dimostrarlo è la decisione dello stesso Marcell Jacobs, campione mondiale di corsa, che su suggerimento del suo Coach e del suo team di esperti, si è fatto estrarre un dente del giudizio per riequilibrare le frequenze tra la gamba sinistra e quella destra.

Una vicenda che riporta in primo piano il rapporto tra occlusionepostura e performance sportiva anche per atleti non professionisti. Un aspetto potenzialmente migliorabile grazie all’utilizzo di un semplice bite su misura, una placca in resina acrilica dura, da indossare su una delle due arcate dentali.

Denti e sport, squadra vincente

«Marcell Jacobs è diventato campione olimpico dei 100 metri piani e della staffetta 4×100 metri, conquistando ori storici. Sappiamo come durante l’attività sportiva anche una minima variazione di equilibrio possa tradursi in variazioni dell’intensità della forza e capacità di coordinazione: su questi presupposti si basa la scelta di estrarre il dente del giudizio che avrebbe interferito con l’equilibrio dell’atleta. Tuttavia, il dente del giudizio non è un nemico assoluto: non solo toglierlo non garantisce un miglioramento delle prestazioni, ma se questo è lo scopo, la sua estrazione deve essere attentamente valutata perché potrebbe alterare l’equilibrio occlusale e quindi dare il risultato opposto”, spiega Clotilde Austoni, Odontoiatra Specialista in Chirurgia Odontostomatologica c/o Servizio di Odontostomatologia – IRCSS Galeazzi – Università degli studi di Milano, meglio conosciuta e apprezzata dai suoi pazienti come “The Smiling Doctor”.

Tutti i vantaggi dei bite per gli sportivi

Durante una gara la concentrazione e la tensione scatenano il rilascio di adrenalina che porta inconsciamente l’atleta a serrare i denti, con conseguente tensione ai muscoli masticatori.

L’utilizzo di un bite, non impedisce di stringere i denti ma serve a rilassare i muscoli della masticazione, prevenendo dunque nel tempo gli scompensi muscolari che espongono ad un maggior rischio di infortuni.

“Sempre più spesso gli sportivi, anche non professionisti, indossano un bite su misura durante gli allenamenti e le competizioni. Lo scopo è quello di bilanciare l’occlusione e aumentare il rendimento della performance. Infatti, quando si è concentrati si tende a serrare i denti e questo causa un dispendio inutile di energie e provoca nel tempo tensioni e dolori muscolari”, prosegue l’odontoiatra.

Ma in che modo i bite possono migliorare la prestazione sportiva, in gara e non?

  • Favoriscono la postura corretta
  • Migliorano il rendimento
  • Aumentano la concentrazione
  • Riducono il rischio di infortuni
  • Proteggono i denti dall’usura

Come funzionano i bite

Il primo step per realizzare un bite su misura è rilevare le impronte della dentatura del paziente. Una volta confezionato, viene regolato dal dentista in modo da bilanciare l’occlusione.

Il passo successivo consiste nell’indossare il bite durante l’attività sportiva, sia di allenamentoche di gara, ed eventualmente procedere con la sua regolazione in funzione della risposta prestazionale.

Va sottolineato, infine, che se l’atleta soffre di bruxismo – ovvero digrigna o serra i denti abitualmente, non solo sotto stress – indosserà il dispositivo anche di notte.

All’utilizzo del bite è utile associare anche il supporto di un fisioterapista specializzato che, all’occorrenza, interverrà con tecniche manuali e posturali per migliorare l’aspetto muscolare e strutturale dell’atleta. 

A proposito di “The Smiling Doctor”

Clotilde Austoni é Odontoiatra Specialista in Chirurgia Odontostomatologica c/o Servizio di Odontostomatologia – IRCSS Galeazzi – Università degli studi di Milano. Si occupa prevalentemente di Odontoiatria Estetica, Protesica e Chirurgia Orale, con una particolare specializzazione nel trattamento e prevenzione di casi con usura dentale, bruxismo, erosioni dentali e perdita di dimensione verticale.

La capacità di ascolto e l’empatia sono le qualità che hanno fatto conquistare alla Dottoressa Austoni il soprannome di «The Smiling Doctor», ovvero di una “Professionista del Sorriso”, in grado di abbinare a competenze specialistiche di alto profilo la capacità di conquistare la fiducia del paziente, entrando in sintonia con ogni persona. Clotilde Austoni riceve in Via della Spiga 20, a Milano.

Cosa ne pensate della relazione tra denti e sport? Qui abbiamo parlato di fisioterapia con i consigli per riprendere l’attività fisica.

(Simona Recanatini)

Foto apertura by Unsplash, foto girl: by bruce mars on Unsplash

No Comments Yet

Comments are closed

Ti suggeriamo

Workout, sport, wellness, food, beauty...to be fit! Un webmagazine per allargare i propri orizzonti di fitness. Are you ready?

FOLLOW US ON

Pubblicità