Sport e pistacchi: energia e benessere in primavera

Andrew- Pistachio Photo Shoot final high res

Chi conduce uno stile di vita attivo, a base di workout, squat e qualche corsetta al parco, senza dimenticare una corretta alimentazione, dovrebbe dormire sonni tranquilli: la prova costume non fa paura. Ma in tema di benessere e forma fisica si ha sempre la sensazione di non fare abbastanza… E soprattutto: come si possono coniugare gli sforzi sportivi con il bisogno di energia e gli attacchi di fame? Un aiuto può arrivare dai pistacchi, detti anche “lo snack del buonumore”, molto amati dagli sportivi proprio per le loro qualità antistress ed energetiche.

Il parere della nutrizionista

Lo conferma anche Evelina Flachi, Nutrizionista e Specialista in Scienza dell’Alimentazione, interpellata dalla American Pistachio Growers, l’associazione che rappresenta i coltivatori di pistacchio americano e ne promuove i benefici nutrizionali. “Quando si fa sport non deve mai mancare un adeguato consumo di frutta a guscio come noci, mandorle e pistacchi. Senza appesantire la digestione, i pistacchi in particolare sono una buona fonte di energia soprattutto quando sentiamo di avere un calo energetico e un aumento dello stress perché forniscono, oltre ai grassi buoni come gli Omega 3, anche minerali come il magnesio, importante da assumere naturalmente quando aumenta  la tensione agonistica” spiega Evelina Flachi.

Andrew- Pistachio Photo Shoot final high res

“Con limitate quantità di frutta a guscio come i pistacchi, possiamo avere a disposizione una buona quota di energia e di minerali, quali potassio e magnesio oltre che di vitamine come la B1, B6 e PP, che contribuiscono ad aumentare la resistenza e l’energia muscolare durante l’attività sportiva. Inoltre ricordiamo che i pistacchi forniscono, con le proteine, quegli aminoacidi essenziali utili al recupero muscolare dopo lo sforzo dell’atleta” aggiunge la nutrizionista.

In effetti, forse non tutti sanno che i pistacchi sono una buona fonte proteica: una porzione da 28 grammi (49 unità) contiene 6 grammi di proteine, ovvero il 12% del fabbisogno giornaliero. Diverse ricerche (Lewis PB et al., Clin Sports Med 2012; 31: 255–262) hanno contribuito a dimostrare che mangiare proteine può essere utile per il recupero muscolare se consumate dopo un intenso esercizio fisico: ecco quindi che i pistacchi si rivelano un ottimo snack post-esercizio. Inoltre, l’Academy of Nutrition and Dietetics suggerisce un “rifornimento” di energia con un mix di proteine e carboidrati da 15 a 20 minuti dopo l’allenamento, in modo da supportare una riparazione muscolare ottimale e il recupero, e per ricostituire le scorte di glicogeno muscolare.

Andrew- Pistachio Photo Shoot final high res

Potassio sotto controllo

In questa stagione, in particolare, con le giornate che diventano (o dovrebbero diventare…) via via più calde, è importante tenere sotto controllo il potassio, visto che il nostro corpo lo perde anche con il sudore durante l’esercizio fisico più intenso: questo minerale è un importante elettrolita che svolge un ruolo fondamentale nelle normali attività del corpo, come la funzione nervosa e il controllo muscolare.

Quando si perde potassio durante l’esercizio fisico il muscolo può indebolirsi. Ecco quindi che introdurre alimenti contenenti potassio, insieme a una buona dose di acqua, può aiutare a ricostituire questo importante minerale: i pistacchi sono una fonte di potassio, una porzione da 28 grammi ne contiene più di mezza banana.

Ma non è tutto: i pistacchi ci aiutano a rimanere sazi per un tempo più lungo e sono dunque un buon aiuto per resistere alla tentazione di spuntini extra e zuccherosi. Merito della buona presenza di fibre: 30 g di pistacchi forniscono 3 grammi di fibre ovvero il 10% del fabbisogno giornaliero. In altre parole: una porzione di pistacchi apporta la stessa quantità di fibre di 100 g di broccoli cotti. Uno studio pubblicato sul Journal of College Nutrition evidenzia che scegliere come snack i pistacchi piuttosto che dei salatini in una dieta bilanciata supporterebbe meglio la perdita di peso. E scegliamoli possibilmente con il guscio: l’atto stesso di sgusciarli impone di mangiare più lentamente e vedere i gusci accumulati potrebbe essere d’aiuto per “auto dosarsi”, evitando l’eccesso di cibo. Insomma: per vincere il nostro match con la prova costume… proviamo anche questo! MFM

No Comments Yet

Comments are closed

Ti suggeriamo

Workout, sport, wellness, food, beauty...to be fit! Un webmagazine per allargare i propri orizzonti di fitness. Are you ready?

FOLLOW US ON

Pubblicità